Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)Español(Spanish Formal International)
Facebook rss 2.0
микро-займ на карту онлайн
 
 
 
 

News

Il TEAM GRILLINI AL MONDIALE SUPERBIKE

E-mail Stampa PDF

E' arrivata la conferma ufficiale: il Team Grillini è iscritto al Mondiale Superbike 2012.

Dopo aver portato avanti i progetti Moto 2 e CRT il Team Manager Andrea Grillini ha deciso di tornare al Mondiale Superbike. Le aspettative e gli obiettivi per il 2012 sono ambiziosi e ne è conferma la scelta del pilota che porterà in pista i colori del Team. Si tratta dell'australiano Mark Aitchison, 28 anni, pilota di grande esperienza nella categoria Supersport e Superbike. Aitchison si presenterà in griglia di partenza sulla nuovaBMW S 1000 RR a Phillip Island in Australia,  il prossimo 26 febbraio.

IL TEAM GRILLINI E MARK AITCHISON SI PREPARANO PER LA PRIMA TAPPA DEL MONDIALE SBK

 

Tutti al lavoro nel team Grillini per preparare la trasferta di Phillip Island del 26 Febbraio.

Il Team Manager Andrea Grillini ha definito squadra e pilota e a proposito di quest’ultimo ha detto: "Sono molto soddisfatto della scelta di Mark Aitchison. L'accordo è arrivato dopo più di un mese di trattativa ma ho sempre pensato che lui potesse davvero fare al caso nostro, consentendoci di puntare a obiettivi ambiziosi nel Mondiale Superbike. Un grazie particolare al management di SCB Group che segue il pilota e a Paolo Ciabatti di Infront che ci ha accolto in questo campionato con grande entusiasmo".

Anche Aitchison si è detto soddisfatto dell’accordo. Queste le sue parole: “Sono eccitato per la nuova sfida che mi si presenta in questo 2012. Il mio primo anno in SBK è stato importante e ho imparato molto e spero sia la chiave di volta per ottenere ulteriori successi nella prossima stagione. Il Team Grillini mi è sembrato molto interessante per me perchè formato da persone che hanno l’ambizione e la voglia di lavorare come un team e questo ha giocato a loro favore nella mia decisione. Sappiamo che lo sviluppo della BMW avrà bisogno di tempo, considerando che siamo così vicini all’inizio del campionato, ma con il programma che abbiamo delineato insieme so che possiamo raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati. Ora posso dedicarmi al mio allenamento e prepararmi ai primi test in attesa del primo round sulla mia pista di casa in Australia”.

PBR insieme al Team Gresini per il 2013

E-mail Stampa PDF

Il Team Gresini Honda e la PBR Sprockets di nuovo insieme nel 2012. E' stato raggiunto l'accordo anche per il 2013 fra il Team e la Direzione PBR.
Continua l'impegno totale del Team Gresini su tutte le categorie Moto3, Moto2, Moto GP e CRT  e la PBR nel 2013 le supporterà  tutte e quattro.
Negli uffici bolognesi si è firmato il contratto definitivo per il prossimo anno 2013 che ha visto il Team Manager Fausto Gresini insieme alla Direzione PBR i Sig.ri Palladino (Bruno, Alessandro e Fabio) accordarsi sulla nuova categorie Moto3, con un nuovo esclusivo kit studiato appositamente per le sue Moto3 marcate Honda.  Per la Moto2, invece, continua il lavoro iniziato nel 2011 con il kit speciale PBR per Moto2 con passo modificato.  Novità assoluta, invece, per la PBR insieme a Gresini per la MotoGP e CRT, che inizieranno questo nuovo cammino scambiandosi consigli tecnici reciprocamente.  Una nuova avventura che piace ad entrambe le parti, abituate a questo tipo di sfide.

Michele Pirro: "Il futuro si chiama CRT”

E-mail Stampa PDF

In questa intervista, il pilota esprime il proprio pensiero circa la nuova esperienza con la CRT del team San Carlo Honda Gresini con la quale si misurerà a partire dalla stagione 2012, raccontando le proprie aspettative, le motivazioni della sua scelta e gli obiettivi.

Il pilota italiano Michele Pirro è stato raggiunto dai microfoni di motogp.com ai quali ha confidato le proprie sensazioni alla vigilia dell’inizio dell’avventura con la CRT del team Gresini in sella alla quale affronterà la prossima stagione 2012. “È sicuramente un traguardo importante”, ha esordito il 25enne campione europeo 125cc 2004, “mi unirò al gruppo di piloti che corrono nella massima categoria del motociclismo mondiale vestendo i colori di un grande team”.

Pirro ha infatti recentemente prolungato la propria collaborazione con la scuderia emiliana, e a tal proposito ha poi voluto precisare: “Sono felice di essere rimasto con loro, perché per me rappresentano una grande famiglia e dopo quanto successo nel finale di questa stagione, ci tenevo molto a restare. Il primo posto di Valencia ha dato sia a Fausto che a tutti i ragazzi la forza per compiere quel piccolo passo necessario a ripartire. Dopo gli avvenimenti di Sepang la voglia di proseguire in questo mondo era sempre più a rischio, ma da questa vittoria si vuole provare a ricostruire qualcosa di positivo”.

Dopo un 2011 che lo ha visto impegnato nel combattuto Campionato Moto2, il pilota italiano si appresta quindi al salto nella classe regina, dove dovrà confrontarsi con la nuova realtà delle CRT, categoria al debutto nel 2012. “Si dice che questo dovrebbe rappresentare il futuro”, ha sottolineato Pirro, “Sicuramente all’inizio verrà criticata da tutti, come successe per la Moto2, ma dopo la campagna appena conclusa dovrebbe essere evidente la possibilità di un maggiore spettacolo, fattore in leggero declino nella classe regina”.

A seguito del primo posto conquistato nell’appuntamento finale di Valencia, tutti si aspettavano un secondo anno in 600cc per il due volte campione italiano superstock 1000, che ha invece sorpreso tutti optando per il salto di categoria. “Confesso di aver aspettato fino all’ultimo giorno per capire se c’era la possibilità di un prolungamento dell’esperienza Moto2, soprattutto dopo aver appreso informazioni importanti sulle piste e sulla categoria in generale. Probabilmente, correggendo gli errori fatti e migliorando la moto, avremmo anche potuto disputare una stagione positiva, ma ne ho parlato più volte con Fausto, il quale ha sempre riposto in me la massima fiducia, spronandomi, senza mai smettere di credere nelle mie capacità, e sono davvero felice ed orgoglioso all’idea di rappresentare il team Gresini nella classe regina”.

”Fermandomi in Moto2 la consapevolezza dei miei mezzi sarebbe sicuramente aumentata, mentre affacciandomi in questo nuovo mondo il lavoro da fare non sarà poco. Sono comunque contento perché proveremo a dare il massimo per disputare un buon campionato, anche se, data la freschezza della categoria, è al momento difficile sbilanciarsi in pronostici. Sono ben disposto e pronto ad ‘investire’ in questo nuovo progetto”.

Per questa nuova avventura, il team San Carlo Honda Gresini metterà a disposizione dell’italiano un prototipo dotato di telaio FTR e motore Honda CBR 1000 sul quale lui stesso ha poi affermato: “La moto promette bene, FTR è da sempre sinonimo di buona ciclistica e il motore Honda saprà certamente farsi valere. Anche se Aprilia e BMW si trovano già in una fase avanzata del lavoro, io cercherò comunque di concentrarmi e prepararmi per iniziare da qui e per portare avanti il progetto. C’è da sperare che il telaio si adatti al meglio alle gomme, mentre da parte mia avrò l’obbligo di imparare e scoprire i segreti della moto, dall’elettronica fino alla posizione di guida più consona. Di fondamentale importanza saranno i primi test, previsti teoricamente per febbraio”.

Il pilota pugliese non è nuovo alle 1000cc, avendo vinto nel 2007 e nel 2008 il campionato italiano velocità nella classe superstock 1000 in sella alla Yamaha YZF-R1 del team Yamaha Lorenzini by Leoni. Nella stagione successiva si è poi laureato campione italiano Supersport, mentre nel 2010 è sceso in pista ad Aragón, in sostituzione dell'infortunato Vladimir Ivanov sulla Moriwaki del team Gresini Racing Moto2, con la quale è rimasto per la stagione successiva in qualità di pilota titolare.

Il percorso seguito dall’italiano lo ha visto quindi crescere e balzare, nel giro di pochi anni, fino alla massima categoria. Proprio su questo punto ha aggiunto: “Per tutti i piloti l’obiettivo principale è correre in MotoGP, ma ammetto che nei miei programmi questo passo era previsto entro uno, massimo due anni. L’importante ora è lavorare bene con la squadra e allo stesso tempo divertirsi, perché quando tutto va per il verso giusto e si riesce a guidare senza problemi, i risultati piano piano arrivano. In pochi anni ho fatto ciò che diversi miei colleghi impiegano molto più tempo a realizzare, ma credo di essermi guadagnato ogni volta sul campo i passaggi alle categorie superiori”.

”Non voglio solo ‘partecipare’ alla MotoGP, ma vorrei anche poter dire la mia. Anche se il livello è altissimo, e al mio fianco avrò i piloti migliori del mondo, voglio provare a giocarmela con loro. Mi rendo conto che all’inizio non sarà facile, mi risulterà complicato poter dire la mia a causa delle differenti situazioni tecniche, ma spero che quest’anno CRT sia un investimento per il futuro, per crescere e risultare competitivo nelle prossime stagioni”.

Michele Pirro in sella alla CRT del team San Carlo Honda Gresini

E-mail Stampa PDF

L’italiano Michele Pirro, vincitore dell’ultima gara Moto2 di Valencia, per il 2012 scenderà in pista con la CRT del team San Carlo Honda Gresini dotata di telaio FTR e motore Honda CBR 1000R.

Il 25enne Michele Pirro ha prolungato la collaborazione con il team San Carlo Honda Gresini dopo la buona stagione 2011 in Moto2, durante la quale ha fatto registrare un terzo posto in Gran Bretagna ed una vittoria dalla pole position in occasione dell’ultimo round del Campionato, il Gran Premio Generali de la Comunitat Valenciana.

Il pilota italiano è giunto alla conclusione dell’accordo spinto dalla fiducia reciproca, dalla volontà e dall’entusiasmo di realizzare lo stimolante progetto della CRT, nuova categoria della MotoGP. Una nuova avventura che rientra nello spirito del team San Carlo Honda Gresini e nella volonterosa determinazione del pilota pugliese.

Fausto Gresini:
"Abbiamo pensato che fosse giusto, per un progetto giovane come la CRT, dare un’opportunità a Michele Pirro affinché possa ulteriormente dimostrare il suo valore. Nella fase finale del Campionato del Mondo 2011 della Moto2 ha certificato di avere le qualità tecnico, sportive per poter crescere ancora e crediamo che in questa nuova categoria, la CRT, possa essere un protagonista. Splendida e indimenticabile è stata la sua vittoria di Valencia che ha regalato a tutti forti emozioni ed ha trasmesso a noi la consapevolezza di voler proporre a lui l’opportunità di entrare a far parte di questa affascinante avventura. Inoltre bisogna sempre avere presente che noi siamo un team italiano e per noi l’italianità è importante e la scelta di realizzare questo progetto insieme a Michele è anche frutto di questo nostro forte sentimento".

Michele Pirro:
"Sono soddisfatto di aver fatto questa scelta ed orgoglioso di partecipare con il team San Carlo Honda Gresini a questa interessante avventura. Non è stato facile prendere la decisione perché inizialmente avrei preferito cercare di confermare e migliorare i risultati in Moto2 del 2011, ma la crescente fiducia dimostrata da parte di Fausto Gresini nel finale di stagione non mi ha lasciato dubbi sulla scelta che avrei dovuto fare. Sono onorato di continuare a far parte di questo fantastico gruppo e di poter sviluppare insieme a loro questo ambizioso che rappresenta il futuro della MotoGP e spero di ripagare loro della fiducia espressa nei miei confronti con i risultati e con la crescita tecnica di questa stimolante impresa".

Carlos Checa rimarrà con Ducati Team Althea

E-mail Stampa PDF

Superbike: Carlos Checa rimarrà con la Ducati Team Althea anche per il 2012

Carlos Checa sembrava destinato a lasciare la Ducati dopo aver conquistato quest’anno il titolo della Superbike (direzione BMW), invece in extremis una telefonata tra Claudio Domenicali di Ducati e Alberto Vergani (manager di Checa) ha sbloccato la situazione e così il 38enne spagnolo difenderà il numero 1 conquistato in pista con la Rossa di Borgo Panigale.

“E’ stato un week-end molto particolare, il titolo è meritato soprattutto per questa bella gente (la squadra) ha detto Checa – In questo week end mi vedevo più fuori dalla Ducati che dentro ma per fortuna si sono resi conto dell’errore (la Ducati). Sono molto contento per la squadra. Non avrei corso con la Ducati con un’altra squadra, avrei continuato solo con loro.”

 

CEV Ultima tappa Jerez 125 GP

E-mail Stampa PDF

Si è disputata questo weekend l’ultima gara del Campinato Spagnolo Velocità che ha visto Andrea Migno ottenere uno strepitoso podio. Il weekend si è disputato sotto la pioggia che ha disturbato sia le qualifiche che la gara. 
Il giovane pilota romagnolo nelle prove ha ottenuto l’undicesimo tempo che gli ha permesso di partire dalla terza fila dello schieramento.  Al via Andrea parte velocissimo ed alla prima curva si trova in seconda posizione dietro ad Oliveira che poi dominerà la corsa andando in fuga. Dietro il portoghese si forma un gruppetto con Andrea, Antonelli, Rins e Marquez che lottano per il podio. Dopo tanti sorpassi e controsorpassi Andrea si posiziona in terza posizione pronto per attaccare Antonelli ma a due giri dalla fine la gara viene sospesa per una serie di cadute che non tolgono a Migno la soddisfazione del podio in terra iberica. 
Andrea Migno: "Wow! Oggi ho ottenuto il mio risultato più importante! Per questo devo dire un grazie di cuore a Marco che mi ha dato una moto super sia qui che a Valencia! Finalmente ho capito dopo tante delusioni che anche io posso stare con i primi se dispongo di una moto buona. La gara è stata difficile, Oliveira era in fuga ed io ero in lotta con Niccolò, Rins e Marques che sono molto veloci ma ho deciso di attaccare perché volevo il podio. Abbiamo fatto una bella battaglia che finalmente mi ha premiato".

TEAM SAN CARLO HONDA GRESINI E FTR INSIEME NEL 2012

E-mail Stampa PDF

TEAM SAN CARLO HONDA GRESINI E FTR INSIEME NEL 2012
L’unione fa la forza e per ottenere il massimo dei risultati nella categoria CRT (Claiming Rules Team), nuova avventura del Campionato del Mondo MotoGP, il Team San Carlo Honda Gresini  e la FTR moto hanno raggiunto un importante accordo di collaborazione. La nuova moto con telaio FTR e motore Honda CBR 1000R sarà prossimamente in pista, con il pilota che verrà scelto a breve, per effettuare gli sviluppi tecnici necessari per raggiungere un buon livello di competitività per il prossimo campionato Motogp.

Fausto Gresini: E’ motivo di soddisfazione aver raggiunto un accordo di collaborazione con la FTR moto per partecipare alla nuova cetegoria MotoGP, la CRT.  La Claiming Rules Team è una categoria stimolante alla quale abbiamo aderito con entusiasmo. La nostra volontà di partecipare era però condizionata dal partner tecnico con il quale portare avanti il progetto. Con la FTR moto abbiamo trovato le giuste intense e crediamo di poter sviluppare insieme a loro, avendo a disposizione i motori Honda CBR 1000R, una moto competitiva per questa nuova categoria. Una nuova avventura che rientra nel nostro spirito e che potrebbe essere il futuro della MotoGP. Ci impegneremo al massimo e sono sicuro insieme raccoglieremo ottimi risultati.”

Steve Bones: “ Siamo estremamente lieti di iniziare un rapporto di collaborazione con il Team San Carlo Honda Gresini e di unirci a loro per la nuova avventura nel Campionato del Mondo MotoGP. Il Team Gresini, nel corso degli anni, ha dimostrato competenza tecnico sportiva certificata dai numerosi successi e siamo sicuri che tutto ciò possa continuare insieme alla FTR in questa nuova avventura. Il crescente interesse per la nuova categoria MotoGP-CRT è per tutti noi stimolante ed è forte il desiderio di scendere in pista prima possibile per iniziare lo sviluppo e continuare a scoprire nuove frontiere tecniche.”

GP de la Cominitat Valenciana

E-mail Stampa PDF

PIRRO VINCE PER "SIC"

Ci sono eventi che non hanno spiegazioni ma accadono come la vittoria di Michele Pirro a Valencia. Un successo dedicato a “Sic” ed ottenuto insieme a “Sic” perché per tutta la gara il simpatico pilota pugliese ha invocato Marco chiedendogli di aiutarlo a conquistare questa fantastica vittoria. Un segno del destino che ricompensa in parte Fausto Gresini delle amarezze sofferte in queste ultime due settimane. Una gara gestita con saggezza ed una vittoria conquistata con la determinazione. Peccato per Yuki Takahashi caduto quando era al comando. Un’uscita di scena anticipata che ha lasciato l’amaro in bocca al Team Gresini Moto2 che stava assaporando il fantastico uno-due.

 

Michele Pirro (1°) Dopo la pole di ieri ci tenevo a far bene oggi. Le condizioni della gara erano difficili ma ho cercato di rimanere concentrato e poi Marco dall’alto ha fatto il resto, mi è stato vicino tutta la gara ed ogni tanto gli chiedevo di non lasciarmi solo. La gara è stata dura 27 giri sempre da solo non è stato facile. Questa vittoria la voglia dedicare a lui ed alla sua famiglia che in questo momento sta soffrendo più di tutti noi, alla sua ragazza e poi anche ai ragazzi del Team. Per noi non è stato un anno facile e questa vittoria in un fine settimana speciale fa bene a tutti.  Dopo la Malesia è stato tutto molto difficile poi finalmente siamo riusciti a convincere Fausto nel venire a Valencia e sicuramente è stata la scelta migliore perché Marco avrebbe voluto così, le corse erano la sua vita e questo è il modo migliore per onorarlo e ricordarlo.

 

 

Yuki Takahashi (n.c) ”Ci tenevo veramente tanto a disputare una bella gara ed invece  tutto è svanito con una caduta che non ci voleva. Fino a quel punto ero sereno e sicuro di poter fare bene ed invece la pista scivolosa mi ha tradito. Peccato perché avremmo potuto fare un risultato di squadra fantastico. ”

Fausto Gresini “E’ stata un’emozione incredibile. Purtroppo per noi è la seconda volta che ci accade, dopo la morte di Kato a vincere la gara successiva fù Sete Gibernau, oggi a regalarci questa vittoria è stato Michele Pirro. E difficile commentare una giornata così speciale. Il cuore ha palpitato forte e forse dopo questa emozione un controllo è necessario. Sono state due settimane veramente difficili e passare dal dolore profondo ad una gioia speciale legata in qualche modo al triste evento ti scuote parecchio. ”

Ciao SuperSIC

E-mail Stampa PDF

DIOBO' QUANTA GENTE!

Dall’alto dei cieli “Super Sic” avrà commentato così il suo funerale “Diobò quanta gente!” ed avrà sicuramente aggiunto “ma erano così tanti a volermi bene?” Sì, la dimostrazione d’affetto espressa al simpatico “Super Sic”, tragicamente deceduto domenica scorsa sul circuito malese di Sepang, è stata planetaria. Ieri oltre diecimila persone hanno voluto dare a lui l’estremo saluto nella camera ardente allestita nel Teatro della Corte di Coriano ed oggi era incalcolabile il numero delle persone presenti nel piccolo centro romagnolo ed al circuito di Misano Adriatico dove era allestito un maxischermo. Il mondo del motociclismo e non solo si è stretto intorno a lui per l’addio terreno. Alla funzione funebre officiata dal Vescovo di Rimini Francesco Lambiasi, nella Chiesa di Santa Maria Assunta di Coriano, dove la salma di “Super Sic” è stata trasporta dai suoi amici più cari, c’erano tutti con i familiari in prima fila, gli amici con i quali ha condiviso tante gioiose giornate, il Team, le alte dirigenze del motociclismo, i campioni delle due ruote, campioni dello sport, personaggi dello spettacolo e le sue due moto, la Gilera con la quale ha vinto il Mondiale e la Honda con la quale correva attualmente. Fuori dalla chiesa, che poteva ospitare solo 450 persone, migliaia e migliaia di altre persone commosse hanno assistito, attraverso le immagini, mandate in onda sui due maxi schermi, oltre a quello allestito nella piazza del comune di Coriano. L’emozione ha toccato l’apice massimo quando sulle note di Vasco Rossi “Siamo solo noi” il feretro è uscito dalla chiesa di Santa Maria Assunta per l’ultimo viaggio terreno. Addio “Super Sic” sarai per sempre nei nostri cuori!

Campioni del Mondo

E-mail Stampa PDF

CARLOS CHECA CAMPIONE DEL MONDO 2011

IL PILOTA ALTHEA RACING, CARLOS CHECA CENTRA LA 13SIMA E 14SIMA VITTORIA DELLA STAGIONE ED E’ INCORONATO CAMPIONE DEL MONDO 2011 SUL CIRCUITO DI MAGNY-COURS Nevers (Francia), domenica 2 ottobre 2011: dopo una stagione piena di successi, vittorie, giri veloci e pole position, Carlos Checa ed il team Althea Racing hanno ricevuto oggi il premio assoluto sul Circuit de Nevers Magny-Cours. Carlos, 38 anni, e’ stato infatti incoronato campione del mondo Superbike 2011 con un round di anticipo! In piu’, e grazie ai risultati stellari di Checa in questa stagione, Ducati ha potuto festeggiare la sua 17˚ vittoria nel campionato costruttori alla conclusione della seconda manche. In Gara 1, partendo dalla terza posizione in griglia, Checa era terzo alla fine del primo giro, dietro a Camier e Laverty. Nell’arco di un paio di giri ha quindi raggiunto e sorpassato Camier, facendo registrare al quarto giro il crono piu’ veloce della gara (1’38.643). Spingendo molto forte, il portacolori Althea ha cominciato a colmare il gap fra di lui e il leader Laverty ed al nono giro e’ riuscito a prendere il comando della gara. Al termine del quindicesimo giro Checa aveva un vantaggio di oltre due secondi su Laverty e, volendo conquistare il titolo nel miglior modo, non ha mollato fino al traguardo, passando per primo sotto la bandiera a scacchi e vincendo sia la gara che il campionato Mondiale. Nella seconda manche, nonostante le forti emozioni, Checa e’ riuscito a concentrarsi ed era quarto alla fine del primo giro. Ha superato prima Sykes e poi Camier ed ha effettuato il giro piu’ veloce della gara, il secondo, in 1’39.136. Con quel giro veloce, il decimo giro veloce della sua stagione, il pilota spagnolo ha vinto anche il premio Pirelli. Pochi giri dopo Carlos ha commesso un piccolo errore provando a passare Laverty e di conseguenza ha perso un paio di posizioni. Il pilota del team Althea ha cominciato a spingere forte e nel corso dell’ottavo giro si è riportato in terza posizione ad un secondo dal leader Laverty. Al dodicesimo giro ha scavalcato Rea e al giro successivo ha preso il comando della gara. Velocissimo fino al traguardo, Carlos ha gestito perfettamente la sua gara, chiudendo in prima posizione per la 14sima volta questa stagione. Per Carlos Checa, che ha comandato la classifica fin dal primo round, e’ stato un trionfo piu’ che meritato. Il pilota spagnolo ha portato a casa il trofeo in anticipo, con tre gare ancora da disputare. Ci sono stati alti e bassi, come le cinque doppiette di Phillip Island, Salt Lake City, Misano, Silverstone e oggi, ma anche la caduta proprio sul suo circuito di casa di Aragon e la bellissima vittoria sul circuito di casa della Ducati, la settimana scorsa ad Imola. La stagione gli ha portato grandi successi; il team ha accumulato 14 vittorie e un totale di 20 podi in dodici appuntamenti iridati. A Silverstone Carlos ha festeggiato la sua 100sima partenza in SBK, centrando contemporaneamente anche la 300 sima vittoria per la Ducati nel mondiale Superbike. Ad oggi Carlos ha ottenuto 39 podi in 106 gare dusputate. Con un totale di 467 punti guadagnati durante i dodici round, Checa è il 14simo pilota Ducati ad aggiudicarsi il titolo mondiale SBK, mentre Borgo-Panigale festeggia il suo 17simo titolo nel campionato costruttori con un totale di 491 punti conquistati fino ad ora. Carlos Checa, Campione Mondiale Superbike 2011: “Un giorno perfetto, il miglior giorno della mia carriera e della mia vita. Ringrazio tutti, ogni persona che mi ha aiutato durante la carriera, dall’inizio fino ad oggi. Voglio ringraziare soprattutto Genesio Bevilacqua, tutta la mia squadra e la Ducati. Sto vivendo tante emozioni e devo ammettere che e’ stato molto difficile rimanere concentrato durante gli ultimi cinque giri della prima gara. Poi nella seconda manche ho cercato di essere il piu’ veloce possibile e sono riuscito a vincere ancora una volta. Adesso possiamo rilassarci e goderci questo momento indimenticabile”. Genesio Bevilacqua, General Manager di Althea Racing: “Una giornata indimenticabile per il team Althea e anche per la Ducati. Abbiamo raggiunto due dei nostri obiettivi in maniera non certo facile. E’’ stata una stagione molto dura nella quale abbiamo dovuto combattere. Adesso siamo piu’ rilassati ovviamente! Devo ringraziare Carlos Checa che e’ andato oltre le mie aspettative, ma devo anche ringraziare tutti i ragazzi del team. Per quanto riguarda i nostri sponsor, voglio ringraziare soprattutto Antonio e Alessandro Annoscia, i titolari di Unibat che ci hanno dato il loro sostegno e non ci hanno fatto mancare nulla e spero di poter rinnovare con loro questa fiducia anche nel 2012. Un grazie particolare anche a Maurizio Perlini, che e’ il nostro motorista di fiducia, e un grande ringraziamento va alla Ducati per la fantastica moto che ci ha messo a disposizione quest’anno. Spero che i nostri risultati li abbiano soddisfatti”. Ernesto Marinelli, Direttore Progetto SBK – Ducati: “E’ stata una giornata incredibile. Da quando sono in Ducati non mi ricordo un anno in cui abbiamo vinto quattro titoli nello stesso giorno, quindi e’ gia’ un record. Abbiamo trovato in Genesio e nel team Althea un partner molto importante che, insieme al lavoro impeccabile ed al talento di Carlos, e all’altrettanto eccellente lavoro di Davide, ci hanno dato la possibilita’ di ottenere questo grande risultato. Ringrazio Genesio, Carlos, Davide e tutta la squadra Althea Racing per questi fantastici risultati”. RISULTATI: Gara 1 – 1. Checa (Ducati); 2. Melandri (Yamaha); 3. Haslam (BMW). Gara 2 – 1. Checa (Ducati); 2. Melandri (Yamaha); 3. Lavery (Yamaha) CLASSIFICA: Piloti – 1. Checa (Ducati) 467; 2. Melandri (Yamaha) 360; 3. Laverty (Yamaha) 283; 4. Biaggi (Aprilia) 281; 5. Haslam (BMW) 216; 6. Camier (Aprilia) 194; 7. Guintoli (Ducati) 179; 8. Haga (Aprilia) 170…… Costruttori – Ducati 491; Yamaha 415; Aprilia 399; BMW 261; Kawasaki 209; Honda 162; Suzuki 162

Pagina 9 di 10

 
 
микро-займ на карту онлайн