Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)Español(Spanish Formal International)
Facebook rss 2.0
 
 
 
 

News

SECONDO TEST DELL'ANNO IN MALESIA PER IL TEAM GO&FUN HONDA GRESINI

E-mail Stampa PDF

A distanza di soli 20 giorni la MotoGP è tornata in pista sul circuito di Sepang per il secondo test invernale della stagione. Condizioni di pista asciutta in mattinata e solito acquazzone pomeridiano arrivato puntualmente poco prima delle 15 che non ha permesso di effettuare molti giri ma nelle poche tornate sono state raccolte importanti indicazioni. Per il Team GO&FUN Honda Gresini sono ripresi i lavori sulla messa a punto delle sospensioni Showa alla ricerca del miglior setting operando anche sulle geometrie del telaio. Positivo il lavoro po rtato avanti da entrambi i piloti con ottime basi per poter proseguire gli interventi nei prossimi due giorni.

 

Alvaro Bautista “Era fondamentale ed importante tornare in pista dopo pochi giorni per poter valutare il lavoro fatto nei precedenti test ed impostare i vari interventi da fare in questa tre giorni malese. Purtroppo le condizioni meteo ci hanno lasciato poco spazio ma pur inanellando pochi giri (32 in totale) siamo comunque riusciti a fare alcuni importanti interventi sulla geometria della moto e sulle sospensioni andando alla ricerca del miglior setting. Abbiamo fatto anche quattro giri su pista bagnata per poter fare alcune utili valutazioni in simili condizioni.”

 

Bryan Staring “ Per me è decisamente importante poter girare per poter continuare il mio processo di inserimento nella MotoGP. Essere nuovamente in pista a Sepang a distanza di poco più di 20 giorni mi gratifica enormemente. Sono alla ricerca del miglior feeling con la moto e sto cercando di interpretare al meglio questa categoria. Passo dopo passo ci sto riuscendo e con l’aiuto del Team stiamo facendo anche positivi interventi sulla ciclistica. Purtroppo non abbiamo potuto effettuare molti giri per l’arrivo della pioggia ma abbiamo fatto i necessari interventi per il lavoro di domani.”

 

Fausto Gresini “Ho voluto essere presente direttamente a questa seconda tornata di test in Malesia per rendermi conto di persona dei progressi che stiamo facendo. Stiamo vivendo una fase importante nella quale non siamo alla ricerca del tempo sul giro ma dello sviluppo dei contenuti tecnici. Siamo concentrati sulla ricerca delle migliori soluzioni di ciclistica insieme alla Showa e stiamo lavorando intensamente sulle geometrie del telaio. Il tempo a disposizione oggi non è stato moltissimo a causa dell’arrivo della pioggia ma abbiamo messo ottime basi per il lavoro di domani.

BMW Motorrad GoldBet SBK Team

E-mail Stampa PDF

Meteo: Sole con alcune nuvole nel pomeriggio

Temperatura: Aria: 26 -27 °C, Pista: 47 – 48°C

Numero di piloti partecipanti: 20/19 di 13/12 team

Giro più veloce Gara 1: Michel Fabrizio (Red Devils Roma) 1:31.323 (al 7° giro)

Giro più veloce Gara 2: Eugene Laverty (Aprilia Racing Team) 1:31.168 min (al 20° giro)

 

Il BMW Motorrad GoldBet SBK Team inizia il 2013 con un podio. Nella gara inaugurale del FIM Superbike World Championship a Phillip Island (AUS), Marco Melandri (ITA) ha terminato in terza posizione Gara 2, un podio coraggioso e combattuto vista la condizione e il dolore alla spalla causato dalla caduta in Gara 1. Il suo compagno di squadra Chaz Davies (GBR) ha terminato Gara 1 con un ottimo quarto posto, al suo debutto in gara con la BMW S 1000 RR. Più sfortunato in Gara 2 dove per una caduta e un ride through non ha potuto cogliere un altro risultato positivo.

Alla partenza di Gara 1 Marco è passato dalla quinta posizione, dove era schierato in griglia, alla terza. La strategia pianificata per la gara prevedeva di salvaguardare gli pneumatici nella prima parte e di iniziare, nella seconda parte di gara, la caccia alle prime posizioni, strategia rivelatasi corretta. Nei primi giri Marco ha perso qualche posizione, fino alla settima, poi ha iniziato la rimonta. Purtroppo la sua fantastica progressione è stata fermata al tredicesimo giro, quando Marco era in terza posizione. All’ingresso della curva quattro Marco è stato involontariamente tamponato da Carlos Checa (ESP) concludendo così la sua gara. Il suo compagno di squadra Chaz, al suo esordio sulla RR, è stato protagonista di un’ottima gara. Il Gallese partito in dodicesima posizione è risalito “duellando” generosamente. A tre giri alla fine era in quarta posizione e a difeso questa posizione dagli attacchi di Tom Sykes (GB) fino alla fine della corsa.

In Gara 2 la fortuna ha cambiato lato all’interno del Team. Al secondo giro, Marco ha guadagnato la terza posizione e da quel momento il pilota italiano ha studiato la coppia Guintoli (FRA) - Laverty (IRL), non lasciandoli allontanare più di qualche decimo, e preparandosi per sorpassarli. Marco è riuscito a sorpassare Laverty al 16° giro, conquistando così la seconda posizione. Marco ha poi iniziato a colmare il gap da Guintoli, ma la battaglia tra i tre è proseguita e, al 20° giro Laverty ha sorpassato sia Marco che Guintoli prendendo la leadership della gara, mentre Marco è così scivolato in terza posizione. Nel giro finale Marco ha tenuto duro, nonostante il dolore alla spalla, fronteggiando l’attacco di Michel Fabrizio (ITA) che voleva conquistare il podio. Allo stesso tempo Chaz ha avuto parecchia sfortuna, è partito bene e ha preso subito l’ottava posizione, ma è caduto nel primo giro. Tornato in pit lane per sostituire il pneumatico posteriore forato, è rientrato in pista in ultima posizione con un giro di ritardo. A questo si è sommata la penalizzazione con ride through comminata dalla Direzione gara per non una non corretta procedura di cambio pneumatico. Chaz ha poi concluso al 17° posto.

Nella classifica piloti Marco è quinto dopo la prima gara con 16 punti, mentre Chaz è decimo con 13 punti. Nalla classifica costruttori BMW è al secondo posto con 29punti. Le gare sono state vinte da Sylvain Guintoli (FRA) e Eugene Laverty (IRL).

 

Marco Melandri:

Risultato Gara 1: NC / Giro più veloce Gara 1: 1:31.338  (al 9° giro)

Risultato Gara 2: 3°/ distanza dal 1° classificato: 0:01.382  /Giro più veloce Gara 2: 1:31.549  (al 18° giro)

“In Gara 1, proprio mentre stavo risalendo ed ero in terza posizione, Carlos mi ha tamponato facendomi cadere purtroppo, di nuovo, sulla spalla destra. Non ho idea di come sia successo, forse un errore o un problema tecnico, ma mi sono ritrovato per terra. Mi dispiace che Carlos si sia fatto male, è un pilota attento, gli auguro di rimettersi al più presto. In Gara 2, nonostante il dolore, ho lottato riuscendo ad inserirmi tra i primi sin dall’inizio. Negli ultimi giri avevo Michel che m’inseguiva da vicino, ho stretto i denti, e sono riuscito a raggiungere il podio che, in questa situazione, vale quasi come una vittoria. Per quanto riguarda la spalla lunedì farò una visita medica per decidere che tipo d’intervento dovrò affrontare. Mercoledì prossimo era previsto un intervento esplorativo ora vedremo dopo la visita”.

Chaz Davies:

Risultato Gara 1: 4°/ distanza dal 1° classificato: 0:05.702 / Giro più veloce Gara 1: 1:31.482  (al 9° giro)

Risultato Gara 2: 17°/ distanza dal 1° classificato: 2 giri/Giro più veloce Gara 2: 1:32.007 min (al 10° giro)

“Dopo Gara 1 ero contento per i punti conquistati anche se, confesso, mi sarebbe piaciuto essere sul podio. Dopo il warm-up, infatti, avevo capito che il podio era alla mia portata. Il quarto posto è comunque ben oltre le mie aspettative prima dell’inizio della gara e ne sono contento. La corsa è stata elettrizzante, superare a Phillip Island vuol dire prendere decisioni in frazioni di secondi, sei molto vicino, e devi poter frenare bene. La moto ha funzionato perfettamente, anche in frenata, e questo è stato un vantaggio importante. Peccato aver perso qualche posizione all’inizio, se fossi stato più avanti, probabilmente, sarei rimasto con il gruppo di testa.

Nel primo giro di Gara 2 ho perso il retrotreno entrando in curva, non sono sicuro del motivo, l’unico motivo potrebbe essere che qualcuno mi ha tamponato o che il lato esterno del pneumatico non avesse ancora il giusto grip. Probabilmente questo ha fatto slittare il retrotreno, Loris era all’esterno senza nessuna via di fuga. Questo sicuramente non mi ha fatto piacere, dobbiamo prendere quanto fatto di positivo in Gara 1 e da questo lavorare per la prossima gara”.

Andrea Buzzoni (General Manager BMW Motorrad WSBK):

“In Gara 1 mentre Marco stava raggiungendo i primi è stato toccato da Carlos ed è caduto, sono cose che succedono in gara, faccio i miei auguri a Carlos per una veloce guarigione. Anche Marco ha subito una botta purtroppo proprio sulla spalla destra. Chaz, partendo dalla dodicesima posizione è riuscito, alla sua prima gara in sella alla BMW S 1000 RR, a raggiungere la quarta posizione. Ha così dimostrato di aver raggiunto un buon feeling con la nuova moto. In Gara 2 Chaz è caduto alla quarta curva, il gruppo era molto compatto e non è ancora chiara la dinamica, purtroppo però è rimasto subito fuori dai giochi. Marco invece ha fatto molto bene, nonostante il dolore alla spalla, ha combattuto con le veloci Aprilia rimanendo con i primi per tutta la gara. Concludendo al terzo posto che, in queste condizioni, è un ottimo risultato. Faccio i miei complimenti a Marco. Per quanto riguarda la sua spalla al ritorno in Italia sarà immediatamente visitato per prendere le dovute decisioni in modo che la pausa di un mese e mezzo, prima della prossima gara, gli consenta di recuperare.

In generale siamo molto soddisfatti del lavoro fatto durante l’inverno poichè in questi sette giorni di pista le moto sono migliorate in tutte le aree. Questo risultato è frutto dell’ottimo lavoro svolto dalla rinnovata organizzazione racing: l’R&D e il Team”.

Stephan Fischer (Direttore Tecnico BMW Motorrad Motorsport):

“Abbiamo dimostrato che la nostra RR è competitiva, anche se i risultati non riflettono adeguatamente le nostre vere prestazioni. Oggi avremmo potuto girare costantemente sull’1’31” basso e specialmente in Gara 1 avevamo un ottimo ritmo e il set up scelto era buono per questo circuito, pur essendo questo circuito abbastanza aggressivo con i pneumatici. Purtroppo Marco ha avuto un incidente altrimenti avrebbe potuto cogliere un risultato molto positivo. Ovviamente ci auguriamo che Carlos stia bene. Siamo molto contenti del quarto posto di Chaz in Gara 1 e il fatto che entrambi i nostri piloti siano stati così competitivi dimostra che le nostre moto funzionano molto bene. In Gara 2 Chaz ha avuto sfortuna, prima la caduta poi la penalizzazione con il ride through, mentre Marco, dopo essere caduto sulla spalla già malconcia, è stata eccezionale. Il week end sarebbe potuto andare meglio, ma complessivamente non è stato male. Abbiamo dimostrato che il team ha lavorato molto bene e che le moto funzionano bene, ora concentriamoci per la prossima gara di Aragon”

CONCLUSI I TEST INVERNALI DI VALENCIA PER IL TEAM FEDERAL OIL GRESINI MOTO2

E-mail Stampa PDF

L’indonesiano Doni Tata Pradita ha concentrato il lavoro di questa prima tre giorni di test invernali sul cercare di accrescere la sua confidenza con la Suter non tralasciando di intervenire con i tecnici sulle sospensioni e sulle geometrie del telaio per ottenere un buon assetto in vista anche dei test di settimana prossima sul circuito di Jerez.
Doni Tata Pradita “Ho dedicato molto tempo alla ricerca del ritmo e cercando di trovare un buon feeling con la moto. Credo che il mio processo di inserimento alla moto2 sia positivo e continuerò su questa strada anche nei prossimi test di Jerez. Con tecnici abbiamo anche lavorato sull’assetto della moto e devo dire che mi sono stati di grande aiuto. Non vedo l’ora di risalire in moto la prossima settimana cercando di migliorarmi ulteriormente.”

SECONDA GIORNATA DI INTENSO LAVORO A SEPANG PER IL TEAM GO&FUN HONDA GRESINI

E-mail Stampa PDF

Un timido sole con temperature più elevate rispetto alla prima giornata di ieri non hanno rallentato il lavoro di Bautista e Staring sul circuito malese di Sepang fino a quando ha fatto capolino la pioggia a rovinare il tutto. Alvaro Bautista ed i suoi tecnici hanno lavorato senza sosta concentrandosi sulle geometrie del telaio testando nuove sospensione e nuovi freni. A fine giornata i riscontri sona stati positivi, malgrado l’interruzione per pioggia, soprattutto in prospettiva futura. In totale Alvaro ha percorso 44 giri ed il miglior riscontro cronometrico è stato 2’ 01” 729. Il pilota australiano Bryan Staring invece dopo aver ripreso la dovuta confidenza con la moto a causa  della caduta di ieri ha cercato di affinare ancora il suo stile di guida e con i tecnici ha lavorato sulle geometrie del telaio ed ha fatto prove comparative con i dati dello scorso anno. Giri percorsi per il pilota australiano 33 ed il miglior tempo 2’ 06”898

Alvaro Bautista “E’ stata una giornata nel corso della quale abbiamo fatto molto lavoro. Siamo intervenuti soprattutto sul setting cercando di migliorare quello di ieri intervenendo sulle geometrie del telaio perché questa moto è molto diversa rispetto a quella dello scorso anno. In pratica tutta la mattinata l’abbiamo dedicata alla ricerca di un miglior setting ma non siamo riusciti a trovare quello che volevamo. Nel pomeriggio abbiamo provato nuovi freni che non ci hanno soddisfatto particolarmente e quando avevamo programmato di fare alcune prove di sospensioni è arrivata la pioggia a rovinare tutto. Abbiamo comunque fatto alcuni giri con pista bagnata ma le condizioni non erano ottimali. Speriamo domani nella clemenza del tempo per poter ultimare il lavoro di questa prima sessione di test dell’anno.”

Bryan Staring “ Oggi avevo ancora un po’ di dolore per la caduta di ieri ma dopo pochi giri sono riuscito a riprendere il ritmo. Con i tecnici abbiamo lavorato sulle geometrie del telaio ed abbiamo fatto alcune prove comparative sui dati dello scorso anni. Sono contento di lavorare con loro perché sono molto professionali e mi sono di grande aiuto. Ho anche migliorato seppur leggermente il mio tempo di ieri ma credo che per fare un decisivo salto di qualità sia necessario un’altra sessione di test.  Comunque sono determinato e convinto di poter far bene ed essere pronto per l’inizio del mondiale.”

QUINTO TEMPO PER BRADL NEL PRIMO GIORNO A SEPANG

E-mail Stampa PDF

Sepang, 5 Febbraio: il pilota del Team LCR Honda Stefan Bradl non si è risparmiato nel primo giorno di test sul tracciato di Sepang segnando il 5° miglior tempo (a soli 2 decimi da Rossi) in una giornata tipicamente tropicale ma estremamente redditizia. Il tedesco, che è sceso in pista in sella alla RC213V Factory Spec., ha completato 59 giri con l’intento di mettere a punto elettronica e sospensioni.

Il contingente MotoGP è stato fortunato con il meteo visto che la pioggia tanto temuta non è arrivata, e i piloti hanno potuto sfruttare l’asfalto malese sino alle 6 del pomeriggio. Bradl si è detto soddisfatto della sua prima uscita e più preparato rispetto alla scorsa stagione e, tempo permettendo, continuerà il suo programma di lavoro domani.  

Stefan – 2’01.789: “Sono molto soddisfatto di questa prima giornata di test. Certo faceva caldo ma era sopportabile e anche l’asfalto era in buone condizioni quindi abbiamo portato a termine il nostro programma di lavoro giornaliero senza problemi. Grazie al programma di allenamento che ho seguito quest’inverno ora sono più preparato a questo tipo di condizioni e ho trovato la squadra ancora più motivata e tecnicamente pronta. Credo che abbiamo iniziato la stagione 2013 ad un livello superiore. Oggi toccava a me ritrovare il feeling con la moto, sentire l’asfalto e riscoprire la potenza del motore ma mi sono divertito parecchio. Abbiamo lavorato su più punti: dalle sospensioni Öhlins, alle lunghezze del forcellone sino alla trazione posteriore. Naturalmente c’è ancora molto lavoro da fare specialmente con i pneumatici usati: io devo imparare a gestire meglio le gomme usate se voglio eguagliare il passo dei miei rivali in gara e ci concentreremo su questo punto fin da subito”.

GILERA 800 GP (MOD.520)

E-mail Stampa PDF

Abbiamo aggiunto a catalogo la modifica passo 520 Racing per la Gilera 800 GP e per SRV 850.
Il nuovo pignone con codice 2255 è disponibile in acciaio temprato con dentature 21 e 22.
La corona sarà codice 4648 in ERGAL DURO passo 520 Racing con lavorazione a CNC secondo gli standard PBR.
E' stato inserito il kit completo EK 455E  in modo da poterlo ricevere completo e pronto per essere installato.  La catena super performante EK520MVXZ  sopporta cilindrate anche fino a 1000cc e quindi si presta bene senza subire allungamenti anche a partenze scattanti...
Si può vedere sul catalogo on-line i particolari desiderati oppure contattando il Vostro rivenditore di fiducia.  Un prezzo particolare è riservato al "CLUB GP800 Italia"  Contattate il vostro amministratore. PBR

PBR sempre protagonista

E-mail Stampa PDF

Le competizioni fanno parte del DNA  dell’azienda di Osteria Grande, che produce ingranaggi ed accessori per tutti i tipi di  moto, e distribuisce le prestigiose catene giapponesi EK. Il fantastico palmares di vittorie si arricchisce di anno in anno e nel 2012 sono arrivati altri due allori mondiali, uno nella Coppa FIM Superstock 1000 con Sylvain Barrier del team BMW Motorrad Italia e l’altro nel motocross femminile con Chiara Fontanesi su Yamaha, che oltre a dominare il mondiale ha fatto suo anche il titolo Italiano. La presenza a 360° di PBR nelle corse è da sempre un indispensabile banco di prova per nuovi materiali, lavorazioni e trattamenti che vanno poi a migliorare la produzione dedicata alla serie e all’after market. Per questo PBR da diversi anni supporta in Moto GP il team LCR Honda che con il promettente pilota tedesco  Stefan Bradl si è fregiato del titolo di Rookie of The Year. Sempre nel massimo campionato la nuova collaborazione  con il Team Gresini Racing ha portato alla conquista del quinto posto finale da parte di Alvaro Bautista (due podi all’attivo) e la vittoria di Michele Pirro nella categoria CRT in occasione dell’ultimo round di Valencia. Sempre in sinergia con la squadra diretta dall’ex iridato Fausto Gresini, sono arrivati ottimi risultati anche dalla Moto 3 con l’esordiente Niccolò Antonelli in pista con la FTR Honda , equipaggiata con lo speciale kit( corona pignone catena EK) adottato anche in Moto 2 dai migliori team fra cui spicca la squadra di Aspar Martinez. In Superbike è continuato il rapporto con il team Althea, squadra Campione del Mondo 2011 con Carlos Checa e protagonista anche con il rookie Davide Giugliano, e quello con BMW Motorrad Italia che ha schierato Michel Fabrizio ed Ayrton Badovini.  Nel motocross la sponsorizzazione del team Ricci Racing Husqvarna, ha portato la vittoria con Alessandro Lupino degli Internazionali d’Italia e ha visto l’utilizzo  nel mondiale MX 2 dei manubri PBR in ergal. Ancora a livello Italiano il nuovo Team Jtech Racing con Alessandro Battig si è aggiudicato il Campionato Italiano Elite classe MX2. In fine il grande successo riscontrato con la presenza ad EICMA di PBR ,ha confermato la qualità di un’azienda che da oltre quarant’anni produce eccellenza.

 

MIGLIOR TEMPO DI BAUTISTA IN SOLI CINQUE GIRI CON I NUOVI COLORI GO & FUN

E-mail Stampa PDF

MIGLIOR TEMPO DI BAUTISTA IN SOLI CINQUE GIRI CON I NUOVI COLORI GO & FUN

Nella prima giornata di test a Valencia Alvaro Bautista ha sfruttato la prima mezz’ora con pista asciutta per far segnare il miglior tempo. La pioggia e le basse temperature dell’asfalto hanno poi condizionato il resto della giornata obbligando il pilota del Team Go & Fun Honda Gresini a restare fermo al box. Cinque giri per una passerella mediatica e per dar lustro alla nuova livrea che anticipa in parte i colori 2013 del Team Go & Fun Honda Gresini.
Alvaro Bautista (1° 1’ 35” 936) “Come previsto la pioggia è arrivata a disturbare la prima giornata di test programmati per oggi e domani. Fortunatamente siamo scesi subito in pista e con l’asciutto abbiamo fatto segnare un tempo che nessun’altro è riuscito a migliorare. Insomma con il minimo abbiamo fatto il massimo in onore anche del nuovo sponsor Go & Fun che seguirà il Team Honda Gresini per tre anni. Speriamo nella clemenza del tempo per la giornata di domani ma, le previsioni purtroppo sono poco rassicuranti. Il solo fatto positivo sarà il leggero alzamento della temperatura perché se così fosse anche con la pioggia ci consentirebbe di scendere in pista.

OMAGGIO A MARCO

E-mail Stampa PDF

OMAGGIO A MARCO 

Partendo dal box del Team San Carlo Honda Gresini oggi i componenti del team di Simoncelli e tutto il paddock sono andati a piedi fino alla curva 11 dove Fausto Gresini ha deposto una targa permanente in ricordo di Marco. Ad un emozionante momento di silenzio è seguito un lungo applauso durato due interminabili minuti.

BRAVISSIMO ALVARO

E-mail Stampa PDF

Salire sul podio a Motegi era il modo migliore per rinnovare il rapporto con Gresini Racing anche per la stagione 2013. E’ stato un fine settimana cominciato bene e terminato ancora meglio per il pilota del Team San Carlo Honda Gresini Alvaro Bautista. Un podio importante conquistato con determinazione in casa della Honda. Un podio che con i punti conquistati porta Bautista al quinto posto della classifica iridata. Benino anche la CRT che ancora una volta termina la gara e porta a casa un punticino con Michele Pirro.

Alvaro Bautista (3°) “Una bellissima, un gran fine settimana anche con la firma del contratto per la prossima stagione con il Gresini Racing. Sono molto contento, oggi sapevo che potevamo fare bene e lottare per il podio perché ieri avevamo dimostrato di avere un buon passo gara, ci ho provato e ci sono riuscito. Non sono partito molto bene perdendo alcune posizioni ma ho subito recuperato. Poi quando sono arrivato dietro a Crutchclow ho visto che giravamo allo stesso ritmo e così ho cercato di mantenere una distanza di sicurezza per non surriscaldare troppo i freni, a cinque giri dalla fine ho spinto di più ed ho attaccato e devo dire che la battaglia con lui è stata bella e mi sono divertito. Sono molto contento anche per i ragazzi del Team che hanno lavorato sempre tantissimo insieme alla Showa per darmi una moto performante, per gli sponsors e per la HRC che ci sta dando tutto il supporto necessario e spero di continuare così per le prossime gare.”

Michele Pirro (15°) “Speravo di ottenere un risultato migliore ma alla fine devo dire che il punticino che abbiamo portato a casa mi sta bene. Siamo riusciti a finire la gara e questo per noi è già un importante obiettivo. Dobbiamo ancora lavorare e lo faremo nelle prossime gare su piste che forse potrebbero adattarsi meglio alle caratteristiche della nostra moto.”

Fausto Gresini “E’ stata una giornata fantastica un secondo podio che ci rende molto felici soprattutto perché conquistato qui in Giappone. Per noi fare un così importante risultato in casa Honda ci riempie di orgoglio. Un po’ ce lo aspettavamo perché tutte le prove erano andate bene, siamo sempre stati con i migliori e molto incisivi. Abbiamo un po’ sofferto in partenza ma poi Alvaro ha reagito dando prova di grande carattere e rendendosi protagonista di un finale esaltante. Due podii in tre gare non è niente male e ci fa ben sperare per questo finale di stagione. Abbiamo festeggiato nel modo migliore il rinnovo del contratto con Alvaro quindi meglio di così non si poteva fare. Con la CRT abbiamo raccolto un altro punticino portando a termine la gare e questo per noi è positivo. Dobbiamo ancora lavorare e cercheremo di farlo nel migliore dei modi con Michele in questo finale di stagione.”

Pagina 5 di 10